Associazione culturale oplà

PICCOLO TEATRO

Piccolo ma non per questo meno importante! piccolo perché delicato, semplice e giocoso quindi....

Perché fare teatro? Perché stare su un palco? Perché fare un laboratorio teatrale?

A ogni domanda ci possono essere milioni di risposte, e ogni risposta sarebbe giusta; non esiste un motivo particolare per fare teatro ne esistono tanti: passare una serata in compagnia, diventare attori, conoscere nuove persone, conoscere il proprio corpo, superare la timidezza, imparare a parlare davanti a un pubblico, giocare...

Questo laboratorio si rivolge quindi a tutte quelle persone che, per un motivo o per un altro, vogliono Fare Teatro. In molte lingue come il francese (jouer), l'inglese (to play), il russo (играть - pron. igra't), il tedesco (spielen), l'ungherese (játszik) il verbo "recitare" coincide col verbo "giocare".

Ed è questo lo spirito che deve animare una persona che si avvicina al teatro: il gioco, il divertimento la spensieratezza, che non vuol dire essere banali, ma essere semplici come dei bambini, disposti a lasciarsi guidare da altri e pronti a stupirsi di tutto e di niente.

 

Per questi motivi il teatro non è per poche persone o per chi vuole fare l'attore.

 

Il teatro è di tutti e per tutti.

A chi è rivolto ?

Percorso Bambini:           6 - 1 0 anni

Percorso Ragazzi:        1 1 - 1 4 anni

Percorso Giovani:         1 5 - 19 anni

Percorso Adulti:            2 0 - 9 9 anni

Quanto tempo ci vuole per imparare?

I corsi si possono sviluppare in due modalità:

 

Corsi annuali

 

Corsi su ciclo di incontri

Che attività ci sono?

Creazione del gruppo: Giochi di fiducia, di conoscenza, di contatto, di ascolto, di relazione, di energia, di apertura, di coralità.

 

Percezione dello spazio: Lo spazio come compagno di lavoro, lo spazio come luogo fisico da abitare e da cui farsi ispirare, lo spazio da ricostruire ed inventare con il proprio corpo.

 

Conoscenza del corpo proprio e dell’altro: Le qualità del movimento, la caratteristiche biologiche come punto forza, il corpo come strumento di comunicazione,

 

Gli oggetti e le immagini: come un oggetto si trasforma facendone un uso teatrale e metaforico, come costruire con i corpi e gli oggetti immagini capaci di comunicare alla stregua delle parole.

 

Uso della voce: I risuonatori, il ritmo.

 

Improvvisazione teatrale: invenzione di situazioni teatrali, confronto con un testo, confronto con temi, confronto con un personaggio, interpretazione.

Associazione Culturale Oplà

via crosti n.1 - Tradate (VA)

3483249411                info@oplateatro.it

A C E H I e